lunedì 27 maggio 2013

E finalmente racconto anche io il mio (disordinatissimo) Salone del Libro 2013

Atterro a Napoli, vado a ritirare il bagaglio (rigorosamente imbarcato, perché non avevo a portata l'incredibile Hulk per poterlo sollevare sulla mia testa e riporre nell'apposito spazio) e ho due certezze di cui andar fiera: una valigia piena di libri - che nessuno potrà mai sollevare ma la cui lettura sì che mi solleverà - e uno stupendo romanzo terminato nel momento stesso dell'atterraggio (ma quanto mi piacciono quei casi in cui due momenti si verificano in contemporanea, e uno dei due momenti in questione è il portare a termine la lettura del libro. Mi dà una sorta di sicurezza, come se il verificarsi di quella coincidenza mettesse a posto tutti i tasselli della vita. Che poi non accada, pazienza, ma è bello averne per un momento la semplice illusione).
Quindi con una valanga di libri da leggere trascinati su rotelle da una mano e un libro appena finito nell'altra, mi vedo ritornare a casa come l'eroina di un film western, cavalcando - ovviamente in auto - verso il sole. E' andata così: un'esperienza stupenda che mi ha messo addosso tanta allegria. (e un bel po' di febbre, ma questa è un'altra storia e l'ho già ribadita ampiamente sui vari social network in cui imperverso).

Stand Astoria. Perfetto.
Prima di entrare al salone avevo solo una grande sacrosantissima regola: no sconto no libri. Non compro da chi non fa sconti. Ah, e un'altra: ingresso vietato negli stand delle Big (Mondadori, Feltrinelli, Gruppo Gems, Rcs) che lì l'aria del Salone del libro non te la fanno respirare. (In effetti allo stand Mondadori sono entrata, di sabato, per chiedere se per caso fosse prevista la presenza di Barbara Fiorio per, che so, firmare copie o cose del genere. Ecco, vorrei potervi mostrare l'espressione chenonvogliodefinireebetepernonesserepoliticamentescorretta della tizia che non sapeva di cosa o di chi stessi parlando. Stendiamo un velo, e se mi leggi, Barbara, sappi che ho fatto del mio meglio per stalkerarti ma evidentemente sei stalking-proof.). 
Stand Jo March. Elegante e distinto.
(E non dimentichiamo il tentativo di entrare alla Feltrinelli per gettarmi ai piedi o tra le braccia o più semplicemente al cospetto di Roberto Saviano, che un po' il mio eroe lo è. Troppa scorta, troppa protezione. Troppa fila per l'autografo. Mi sono accontentata di vederlo, anche più di una volta - eh, mi accontento di visioni fugaci - e di mandargli mentalmente tutta la mia stima e tutto il mio amore.)
Ok, chiunque mi stia leggendo: sì, sono consapevole che questo non è un resoconto, ma una continua digressione. Ce la farete a resistere? In caso negativo, non ne avrò a male, la colpa è mia. In caso positivo, mi dispiace per voi ma complimenti! e scusatemi per il mal di testa che potrei arrecarvi. 
Stand Marcos y Marcos:
esplosione di colori.
Dicevo, due regole. Che sono riuscita - più o meno come avrete capito - a rispettare. I libri acquistati superano la decina, non li ho più contati, ma conto di riassumerli entro la fine del post, gli stand più gettonati sono stati quelli delle case editrici piccole o di quelle grandicelle ma non grandi quanto i colossi che detengono tutto il mercato editoriale. 
Originali, accoglienti, colorati e vivaci. Così i loro stand. Ho letteralmente adorato l'Astoria, la Polillo, la Marcos y Marcos, la Isbn, la Minimum Fax, la Fandango, la Jo March (ah, *_* la Jo March), la E/O, la Adelphi, la Elliot, la 66thand2nd, la Nutrimenti, la Spartaco... ok, diciamo che un'idea la sto dando. E chissà quante ne ho dimenticate, riparerò in futuro citandole all'improvviso. Dietro ogni stand un volto accogliente e sorridente. 
Stand Isbn:
sprizza personalità da ogni copertina.
Oddio, non dietro tutti gli stand, qualcuno avrebbe potuto sforzarsi un po' di più. Ma diciamo il peccato e non il peccatore. Lodi, lodi, lodi vanno sicuramente alla gentilissima Federica dell'Astoria, con la quale si è chiacchierato dei libri letti e delle prossime pubblicazioni; al simpaticissimo tipo della Etal, di cui mi dispiace non conoscere il nome, che ci ha sottoposte a un improvviso quiz letterario cui non abbiamo saputo rispondere (ma ci ha subito tranquillizzate, visto che a quanto pare neanche Umberto Eco è stato in grado di dare la giusta risposta); a Valeria e Lorenza della Jo March che racchiudono tutti i più begli aggettivi che si possano dedicare a due giovani ragazze in gamba; al ragazzo della Polillo, che ha risposto pazientemente ai nostri interrogativi sui vari libri; ai tipi della Spartaco, che dal modo di fare mi hanno fatto subito sentire accolta; a tutto lo staff Isbn, che come requisiti universali ha disponibilità e gentilezza... Sì, abbiamo rotto le scatole a tante persone. Ma quelle persone facevano sentire che erano là per noi ed erano contente di intrattenersi a fare quattro chiacchiere.

E poi.
E poi c'è il momento blogger, eh cavolo. Chi l'avrebbe mai detto?
Se c'è una cosa positiva che quel maledetto (??) progetto ha portato (sì, tutta la storia de Il canto del cielo...) è stata sicuramente un'interazione maggiore tra blogger. Quest'anno ho sentito di più l'appartenenza a un gruppo, o più che altro la condivisione di una stupenda passione. Non avevo imbarazzi né timori del tipo: che diremo? e se ci stiamo antipatiche? e se ci piacciono cose diverse e non abbiamo voglia di passare tempo insieme? Nessun intoppo mentale è intervenuto. Avevo semplicemente tanta voglia di dare un volto e una voce a quelle parole che mi accompagnano quasi ogni giorno. Insieme a Francesca di Lost in Good Books, cui avevo già dato un volto qualche settimana prima grazie a un suo weekend napoletano, ho fatto la meravigliosa conoscenza della mitica Camilla - non vi dico, ho il doppio della sua età ma l'avrei fangirlata come una ragazzina - e dell'unica e inimitabile Erica, che più adorabile non si può, ti fa venir voglia di stritolarla di abbracci. 
E poi la simpaticissima Francesca di Life in technicolor, che mi sembrava di conoscere da sempre, e Federica de La Fede Librovora... un sogno che si realizza! Non l'avrò dimostrato ma non vedevo l'ora di incontrarla e di parlarle, e di dare anche ai suoi post finalmente una voce. Io adoro il suo blog, adoro ogni suo post. Ora tutti i blog hanno una voce e a me questo suona magico. Con loro si è girato, chiacchierato, ci siamo consigliate e sconsigliate libri, ci siamo immediatamente ritrovate.
Per ripetere poi la stessa emozione il giorno successivo, quando si sono aggiunti altri incontri oltre a quelli già citati: Chiara de Le Pagine Strappate, Elisa de La lettrice rampante, Sara de Il regno magico dei libri (torna a recensire!!), Lorenza de I libri di Lo, Morna di Forgotten Pages, Isy e Lya di Bookland viaggiando tra i libri, Stefania de I miei sogni tra le pagine, Monica di Booksland... 
Sì, ok, ho finito l'elenco, ma eravamo tante ed è stato bello conoscersi. Ultimo incontro è avvenuto domenica con l'inarrestabile Francesca de La contorsionista di parole, con cui ho chiacchierato ininterrottamente sabotando l'incontro a cui avevamo deciso di assistere. Ma sì, ne è valsa sicuramente la pena!
Menzione a parte meritano invece due persone. Ormai non c'è salone se non lo trascorro con le mie adorate amiche entrambe ex-blogger e ormai amiche di vita e non solo di libri, Valentina e Giulia. Il sabato è con loro, per loro. E' il giorno in cui nord, centro e sud Italia si incontrano finalmente dal vivo e danno vita ad abbracci, risate, lamentele, scherzi e chiacchiere. Il salone ci ha unite ed è diventato la possibilità di dare spazio a un'amicizia che durante l'anno si nutre di quotidiane conversazioni su facebook. E' un'occasione irrinunciabile. Insieme a loro sembra prendere forma ogni volta qualcosa che è stato impropriamente separato. Un'altra piccola magia, insomma. 
La mitica lettrice nipotina.
E voglio aggiungere un'altra nota personalissima. Quest'anno il lunedì, il mitico giorno di grandi sconti (sì, mi è stato anche detto: abbiamo ribassato ulteriormente perché ci scocciamo di impacchettare tutto e riportarlo in sede. Vi stimo, editori pigri!) ho portato la mia sprintosa nipotina di 5 anni con me. Legge già dall'anno scorso, e non vedeva l'ora di entrare in questo magico mondo del "salone del libro" di cui aveva sentito tanto parlare i giorni precedenti. Con lei mi sono divertita tantissimo, tra Peppa Pig, Pimpa e libri vari su ballerine e fatine, tra foto colorate e scelta del LIBRO degno di essere acquistato. Inutile dire che ha scelto il volume più pesante che ci fosse, giusto un grammo sotto il quintale, che mi sono dovuta trascinare dietro per l'intera mattinata. Ma ne è valsa la pena vedere il salone attraverso gli occhi entusiasti di una bambina, che ogni tanto scompariva per sedersi a qualche tavolino e fare disegni coi colori che trovava lì. E puntualmente firmava il disegno e lo lasciava sul tavolo, chissà, come regalo al prossimo fortunato.

Stand Sellerio. W Malvaldi
Ed eccoci agli incontri di quest'anno. Nota dolente, ahi ahi. Non me li ero segnati, non son riuscita a beccarne uno coi miei orari un po' sballati, ma posso sicuramente affermare che quello con Piero Dorfles è valso mille incontri. Ma l'incontro l'hanno già raccontato benissimo Erica e Camilla, e non saprei cos'altro aggiungere. Ha detto cose che ogni lettore sa già (o almeno dovrebbe) ma ogni tanto ha bisogno che qualcuno gliele ricordi. Ha detto che il lettore non si deve accontentare di leggere storie di coetanei in cui immedesimarsi, perché così non crescerà mai. Perché quelle storie non solo non sono raccontate bene, la maggior parte delle volte, ma gli dicono cose che già sa, già vive, già conosce. E non gli darà risposte o altre domande su cui riflettere. Un lettore deve puntare in alto, deve riuscire ad alzare lo sguardo da sé. Deve andare oltre. E i romanzi young adults non gli fanno fare questo passo. Ma i classici sono un ottimo trampolino di lancio. Vabbé, prendete le mie parole, Dorflesizzatele e otterrete un discorso da farvi brillare gli occhi e sentirvi migliori. O da farvi venir voglia di essere migliori.

Stand Mattioli1885. Li voglio tutti.
E chiudo qui il resoconto del mio salone. Sono sicura che avrei voluto raccontarvi tanti altri aneddoti, del tipo di come mi sia appostata nei dintorni della splendida Barbara Fiorio mentre parlava con Falconi, aspettando educatamente che finisse di parlare per poter poi esprimerle tutta la mia ammirazione ma, tempo un attimo, è scomparsa portando con sé la scia della mia delusione. O di come abbia cercato per mari e per monti la carinissima Noemi Cuffia per potermi complimentare con lei per il libro, per il blog, e per tutto ma sia riuscita a beccarla solo durante un incontro che non potevo certo interrompere per dirle: sai che sei grande? (anche se l'avrei interrotto con piacere visto che i tipi mi suonavano fin troppo boriosi e irritanti), o di come abbia volentieri evitato qualche volto di scrittore noto ma da me poco apprezzato, e di come ci sia rimasta male che Malvaldi firmasse le copie in un orario in cui non sarei stata al salone.

E basta, dai, che se siete arrivati fin qui siete i miei eroi. Non vi faccio l'elenco dei libri - che è lungo e noioso - ma ve li mostro direttamente in foto, sperando siano tutti ben visibili.
E vi lascio con qualche consiglio per l'anno venturo:
- portatevi un panino, che lì vi vendono un hot-dog a 5€. Vi vien voglia di mangiarvi un libro, anziché un panino;
- portatevi un trolley, un carrello per la spesa, un uomo portaborse: da sole non ce la farete a trasportare tutto;
- quando sentite qualcuno pronunciare la parola salto, ecco, cercate di farvi gli affaracci vostri ed eviterete delle pessime figure. Non tutto il mondo twitta e non tutti fanno riferimento al salone del libro come #SalTo13; 
- ovviamente, organizzatevi per il lunedì se avete intenzione di fare grandi acquisti. 

Passo e chiudo sperando di incontrarvi o rincontrarvi tutti anche il prossimo anno!
I miei acquisti, tutti rigorosamente scontati.




44 commenti:

  1. Viva il Salone del libro, è stato un piacere conoscerti. Mi sono commossa sai quando hai scritto che ti sembra di conoscermi da sempre!? C'era una lacrimuccia in azione =)
    Spero di rivederti presto per tornare a chiacchierare di libri tra uno stand e l'altro e magari anche con più tranquillità davanti a un caffè! =)
    Grande Sonia, sei mitica!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con te c'è stato feeling immediato, eppure mi sa che non ci sentivamo quotidianamente da un po'. Però è stato proprio come ritrovarti e ne sono davvero felice :)
      L'anno prossimo ci organizziamo meglio ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Sonia ti adoro anch'io!!!
    Che bello, quanta nostalgia, avrei voluto che durasse di più!! Un giorno solo non basta per essere soddisfatta per un anno intero, nel 2014 devo andarci per più giorni proprio come voi!!! E magari mi porto anch'io una nipotina, che a quel punto avrà imparato a leggere e sarà stupendo vivere il Salone anche attraverso i suoi occhi, proprio come deve esserlo stato per te ^^
    Bellissimi gli acquisti! Alla fine io niente Jo March e ancora me ne pento, al prossimo ordine su ibs non mi sfuggono. Cos'è il libro con il dirigibile? Non l'ho mai visto...
    New York 1916 mi ha sempre incuriosita ma le recensioni non sono concordi. Come sempre, attenderò il tuo parere!
    Ciao ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Fede, più giorni servono perciò inizia ad organizzarti! e magari facciamo anche un incontro di nipotine al vertice!
      Son troppo felice di averti conosciuta, mi raccomando se passi da napoli, tappa obbligata da me!
      Il libro col dirigibile è Dal ventre della Balena, un Neri Pozza. Mentre New York 1916 il Libraccio lo vendeva a €5,00. Potevo rifiutarmi? E pure Il profumo del caffè a €5,00... insomma, erano lì solo per farsi comprare da me!!

      Elimina
    2. "New York 1916" se lo vedevo a 5€ te lo soffiavo! Chissà il perchè di questi prezzi stracciati...

      A Napoli non ci sono mai stata e mi piacerebbe tantissimo, io e Fabio facciamo ogni anno una gita in Italia e la tua zona è nella top 3 dei desideri, insieme a Roma e somewhere in Sicilia.
      Chissà quando sarà la prossima occasione, spero presto dato che praticamente vivo per andare in vacanza...
      Ciao

      Elimina
    3. Fiuuuuuuuuuuu per fortuna che l'ho visto prima io!
      Già sto rosicando troppo per We are family!!!
      La Sicilia è bellissima e ci tornerei ogni anno, ovunque, che è bella e buona (buona da mangiare), Roma si deve visitare almeno una volta e poi c'è taaaaanto da vedere (e se ci stai di domenica, mi raccomando il mercato di porta portese con libri a prezzi stracciati) e Napoli... bé, vedi Napoli e poi muori, ovvio.
      Vi assicuro la non morte però ;)

      Elimina
    4. "We are family" è tutto merito di Erica, io non l'avevo proprio visto! Lo puntavo da quando è uscito ed è stato stupendo trovarlo (ma jeri ho visto che c'è anche sul sito del Libraccio)

      Roma l'ho già vista ma avevo 12 anni, non ricordo molto. In Sicilia ci sono stata a 17 e ne ho un ricordo stupendo, voglio proprio tornare. Napoli e la costiera le ho viste solo in cartolina, per cui sarà molto più emozionante! Adoro l'Italia ^^

      Elimina
    5. Vero l'Italia è bellissima :)
      So che colpa di Erica, ma se tu l'avessi letto e detto: ma che brutto sto libro, allora ok. Ma visto che non è così, è anche colpa tua e mi do una settimana di tempo e poi basta, si compra! perciò per ora mi astengo anche dalla lettura della recensione, so che non fai spoiler ma non voglio saper nulla della trama, voglio leggerlo solo perché voi avete dato il vostro ok ^_^

      Elimina
  3. Ho sempre sperato di poterci andare! La Jo March piace anche a me visto che grazie a loro ho finalmente potuto leggere Nord e Sud della Gaskell!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Jo March merita il Mi piace di tutti i lettori! Dai, chissà che l'anno prossimo non riesca ad andarci anche tu!

      Elimina
  4. S, hai fatto un resoconto bellissimo!! Mi hai fatto ridere, commuovere, riflettere...pochi riescono a farmi fare tutte queste cose insieme e nello stesso momento, lo sai?
    Ho passato una giornata bellissima al Salone insieme a te e, anche se per (troppo) poco tempo, a J...siete delle amiche splendide! Direi che metà maggio è entrato di diritto nella top ten dei momenti dell'anno che preferisco e che attendo con più trepidazione. <3
    Io comunque non avevo capito QUANTO fosse bella la borsa astoria, averlo saputo te la rubavo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, V!
      Non c'è paragone, tu e J siete e resterete le mie saloncine preferite :D

      Elimina
  5. Tutte le foto degli stand che hai fatto fanno brillare gli occhi! Deve essere stata una bellissima esperienza. Ma la foto con Dorfles non l'hai fatta? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho cercato di fotografare tutti gli stand che ho adorato appena mi sono ritrovata da sola al salone. Quando sono in compagnia la macchina fotografica la dimentico.
      No, la foto con Dorfles no. E Camilla e Erica l'hanno fatta mentre io parlavo con una delle JoMarch-girls ed ero di spalle... traditrici!!!

      Elimina
  6. Bellissimi i tuoi acquisti! E davvero bello il post :) E' stato un piacere incontrarti, spero che ripeteremo in futuro questa magnifica esperienza! Incontrare altre persone con la propria passione è veramente un momento di quelli che non si scordano tanto facilmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, spero che la prossima volta ci organizzeremo meglio, con uno spazio magari tutto per noi per poter chiacchierare di libri e tanto altro con più calma...
      Sto salone del libro mi ha troppo entusiasmata! :D

      Elimina
  7. Che bel resoconto Sonia, bello davvero e molto sentito.
    E che begli acquisti!!! Io non ho mai preso nulla della Jo MArch e dell'Astoria... devo rimediare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Andrea, i fagiolini hanno aiutato ;)
      E devi rimediare sì, Andrea! Meritano meritano meritano. E le spammerò un po' ovunque, fino a che mi metteranno un bavaglio (alle mani) per molestie perpetrate ai danni di poveri lettori :D

      Elimina
    2. Ahahah, evviva i fagiolini, allora! Che comunque non ho assaggiao eh! ;)

      Elimina
  8. Eccolo qui, lo aspettavo e desideravo questo super riassunto del Salone. E' stato emozionante e divertente leggere le tue parole e si capisce che le tue emozioni e la tua allegria sono ancora accese in te dopo questa esperienza.

    Bellissima la nipotina lettrice, immagino le vostre gite in mezzo ai libri supercoloratissimi e sbarluccicosi... Vera è così anche quando entriamo in una libreria, si fionda nel reparto bambini-ragazzi e inizia a prendere e sfogliare di tutto :)

    Sai che ho scoperto che la casa editrice Mattioli dista da casa mia circa 10 km? La sede è in un paesino vicino al mio e l'altro giorno mentre ci passavo davanti pensavo di fermarmi e chiedere se potevo fare un tour, oppure se hanno bisogno di un aiutino per qualcosa, anche solo pulire i pavimenti xD

    L'anno prossimo voglio esserci, voglio conoscerti e conosce altre blogger se ci sarà l'occasione... Voglio vederti stalkerare gli autori e sbavare davanti ad altri, saltellare fra gli stand e illuminare con il tuo sorriso.
    L'anno prossimo ci sarò!

    Un bacione Sonia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bella, la Mattioli vicino da te?
      entra, intrufolati, ruba i libri, stenditi sul pavimento e chiedi loro di tenerti lì! :D
      quanto vorrei visitare una casa editrice come quella... *_*
      ma quanto vorrei visitare una casa editrice e basta!
      L'anno prossimo CI SAREMO. E' deciso, Alessia, inizia il conto alla rovescia.

      Elimina
  9. Bellissimo resoconto, è stato bello incontravi, anche se solo per pochi minuti! La nipotina lettrice già mi piace.. se ha preso tutto dalla zia siamo a posto ^^
    Speriamo ci siano altre occasioni, per incontrarci e parlare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nipotina ha preso dalla zia il bene e il male... poverina, non sa a cosa andrà incontro!
      Alle prossime occasioni più lunghe, consistenti e chiacchierone!

      Elimina
  10. ah che bel bottino :-) e che fantastica esperienza.
    Prima o poi visiterò anch'io il Salone del libro e magari sarà una splendida occasione per incontrarci.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, fantastico tutto.
      E vero bis, ogni lettore deve andare almeno una volta al Salone del libro (e incontrarsi con me, ovvio!)

      Elimina
  11. Devono essere state proprio delle belle giornate :D
    L'anno prossimo voglio esserci anche io cavolo! Spero di farcela! Deve essere un'emozione unica! Autori, stand... blogger *-* delle giornate intere dedicate solo e soltanto ai libri :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Denise, inizia a organizzarti e ci sarai ;)

      Elimina
  12. Wowwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwww, io aspetto Una Marina di Libri per fare superscorta di case editrici piccine ma il salone è il salone, spero di esserci un giorno é.é

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vorrei essere al centro di uno spazio di terra attorno a cui ruotano tutte le fiere dei libri, ma non mi capita mai. Troppo estremo sud, sgrunt. Una Marina di libri deve essere carinissimo.

      Elimina
  13. Le tue disgressioni sono super simpatiche!Ho letto per intero il tuo resoconto e... niente mal di testa! Un saluto alla nipotina.
    Ciao e buona lettura:)

    RispondiElimina
  14. Non so proprio cosa dire, sappi solo che poterci abbracciare dal vivo è stato uno dei momenti più belli del mio Salone :) <3
    E girare in gruppo con voi mi è piaciuto da impazzire, è stato bello ricreare faccia a faccia, in pochi minuti, il rapporto di spontaneità e amicizia che già c'era online!

    P.S. quanti acquisti interessanti *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, tutto bellissimo.
      E poi tu sei un mito come lo sei on-line, non c'è che dire. (fosse solo che hai onorato la regola di non comprare nulla. Ti stimo!)

      Elimina
    2. Ma... ma... sappi che sto arrossendo in stile peperone!

      Eeh, grazie - è stato un po' un colpo al cuore, ma vedere le mensole di libri da leggere che si svuotano mi tira su il morale, anche perché sto arrivando a libri fantastici che altrimenti chissà quanta altra polvere avrebbero preso... :)

      Elimina
  15. Resoconto davvero davvero bello. Mi hai fatto emozionare. E così il Salone l'ho girato anche con i tuoi (vostri) occhi, che si sono posati su più posti e non solo sul famigerato Cookbook. Ha ragione Vale, ora maggio ha un valore aggiunto, ma non dovrebbe essere solo un giorno all'anno. Grazie grazie grazie, Torino senza la S e la V non è la stessa cosa! <3

    P.S. gli editori (o meglio i poveracci che fanno lo smontaggio) sono profondamente pigri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, che emozione rivedere il tuo avatar! secoli che non lo si incrocia più, fa uno strano ma positivo effetto :)
      Abbiamo iniziato con maggio e col salone, poi ci inventiamo qualcos'altro ,)
      E cerca di essere sempre pigra pure tu, è il giusto obiettivo!

      Elimina
  16. Un bellissimo resoconto!! :D
    Mi è spiaciuto non riuscire a trovarmi dove vi eravate date appuntamento, ho cercato ovunque la tua borsa ed ero anch'io allo stand della Feltrinelli per vedere Saviano, ma non ti ho proprio vista! :(
    Spero nell'anno prossimo (tra l'altro ho deciso che andrò anch'io di lunedì per sfruttare qualche sconto in più!)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bolgia infernale, quella per Saviano, e purtroppo la mia borsa non è riuscita a fare miracoli.
      L'anno prossimo sarà la volta buona dell'incontro, l'importante è che tu sia stata al Salone e l'abbia amato!

      Elimina
    2. E' stato stupendissimo!! *.*
      Quest'anno mi è servito x orientarmi, spero di seguirlo meglio l'anno prossimo!!

      Elimina
  17. Bellissimo resoconto della tua avventura,mcomplimenti! Avrei voluto tantissimo partecipare anche io al Salone, ma una serie di cause me l'hanno impedito... Peccato. Ricordandomi di questo bellissimo racconto, l'anno prossimo mi terrò giorni e soldi a disposizione per andarci, assolutamente. Anche come blogger :) !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, stiamo già creando un bellissimo gruppo per l'anno prossimo! :)

      Elimina
  18. Magari digressioni, sì... ma ADORABILI!
    Mi sono divertita moltissimo a leggere questo tuo resoconto, avrei voluto essere là con te! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie LadyJack!
      magari incontrarci tutti!

      Elimina