venerdì 11 gennaio 2013

Tre romanzi per Fantasia d'inchiostro

Image and video hosting by TinyPic

Una delle novità di questo 2013 saranno le etichette illustrate da appiccicare ai miei post. Persa tra i tanti libri che leggo e tra i tantissimi di cui vorrei pubblicare le recensioni o le anteprime, ho pensato di contrassegnarli in qualche modo per distinguerli, catalogarli, ordinarli secondo un mio disordinatissimo schema mentale. Così nasce Fantasia d'inchiostro, etichetta o rubrica che userò per indicare i post riguardanti i libri per bambini. Ho un debole per la letteratura per i ragazzi (e non solo per quel tipo di letteratura: mi sa che son piena di deboli!), leggo tanti libri per bambini in un anno, perciò mi piacerebbe riservare uno spazio che sia solo per loro.
Ogni settimana cercherò pertanto di recensire un paio di questi romanzi: non ho ancora deciso i giorni deputati a questa mia Fantasia (e non so se lo farò: forse meglio lasciarla libera di intrufolarsi nel blog quando più le pare) rappresentata per l'occasione da Peter Pan e i suoi amici (uno dei classici della letteratura per l'infanzia che più ho adorato in passato e che tuttora adoro): oggi tocca a tre romanzi, tutti targati Battello a vapore, ognuno carino a modo suo. Le recensioni spesso saranno molto brevi: chiedo perdono. Avendo un paio di mesi di letture alle spalle non accompagnate dalle consuete recensioni, mi ritrovo con una cinquantina di libri da commentare. Per non correre il rischio che alcune  - molte? -  recensioni vengano abbandonate per la via, tento la facile strada della brevità. E' un tentativo. Non è detto che sarà sempre così ;)


Il fuoco segreto di Altea - Gli Arconti Ombra
di Isabel Harper

Recensione:
Tra i tanti romanzi dedicati ai più piccoli che mi sono ritrovata a leggere nel 2012, Il fuoco segreto di Altea risulta essere sicuramente quello che mi ha più sorpresa per la sua piacevolezza e allegria. E' il primo volume di una tetralogia scritta a quattro mani da due coniugi italiani che preferiscono nascondersi dietro il fantomatico pseudonimo di Isabel Harper e illustrato dalla brava Silvia Bigolin di cui già abbiamo parlato per le illustrazioni di Evelyn Starr. 
Il fuoco segreto di Altea - Gli Arconti Ombra ci racconta la storia di un luogo lontano, Altea, dove la vita non è più facile come un tempo e colui che dovrebbe risollevarne le sorti, l'Arconte, sembra esclusivamente interessato al proprio tornaconto. Spetterà a due semplici ragazzini, Ailan e Marill, scoprire il segreto che c'è dietro il grigiore del loro mondo e dietro le decisioni dell'Arconte, per poi ristabilire la serenità. Un bel romanzo sulla crescita, la responsabilità e la fiducia. Sull'amicizia e sulle scelte. E sulla necessità di aiutare chi è in difficoltà. La lettura è scorrevolissima, i dialoghi hanno un bel ritmo e son sempre gradevoli, ogni personaggio si presenta ai nostri occhi in maniera piacevole, e soprattutto credibile. Leggerò sicuramente i seguiti, che già attendo con ansia. Consiglierò questo volume a chiunque cerchi una storia per far appassionare i bambini dai 9/10 anni in su. E lo regalerò ogni volta che potrò, perché merita davvero.
Titolo: Il fuoco segreto di Altea - Gli Arconti Ombra (Vol. 1)
Autore: Isabel Harper
Editore: Piemme - Collana Battello a vapore
Pagine: 320
Isbn: 9788856622928
Prezzo: €16,00
Valutazione: 3 e1/2 stelline
Data di pubblicazione: ottobre 2012



Il viaggio di Lili e Po
di Lauren Oliver
Recensione:
Il viaggio di Lili e Po era un romanzo che mi attirava tantissimo. Complice una copertina che salta subito all'occhio e un'autrice già conosciuta precedentemente, Lili e Po si è presto aggiudicato un posto d'onore tra le mie letture del 2012. Il libro è confezionato in maniera davvero carina, grazie anche all'illustratrice Linda Cavallini (i cui disegni fanno desiderare una maggiore presenza degli stessi  rispetto ai pochi inseriti nel volume) e all'impostazione della casa editrice: una trappola per bambini sicuramente funzionante. Col termine trappola non voglio dire che la storia non meriti e che sia solo vuota apparenza, ma che a fine lettura mi sono resa conto che l'aspetto esteriore è risultato più incisivo dell'effettiva sostanza. Il viaggio di Lili e Po è una favola: bambini abbandonati, matrigne cattive, sorellastre invidiose, fantasmi, fughe, lotte e un viaggio verso un necessario lieto fine. Si avvertono echi di capolavori del passato, clichés necessari perché una fiaba risulti tale, ma non hanno (in una lettrice adulta) l'effetto sperato: l'esperienza è stata a tratti noiosa, prevedibile, lenta. Niente che la rendesse memorabile. Niente che la facesse emergere dalla miriade di libri destinati ai più piccoli. Se dovessi suggerirla, forse abbasserei l'età consigliata (che la quarta di copertina stabilisce a 10 anni): la farei leggere ai piccini, ai bambini di 6 anni che si apprestano ora ad avvicinarsi alla lettura. Non capiranno tutto (d'altronde a quell'età io ho letto Piccole donne, pur probabilmente non comprendendo un bel po' di eventi) ma godranno di una favola nuova e a suo modo originale.
Titolo: Il viaggio di Lili e Po
Titolo originale: Liesl & Po
Autore: Lauren Oliver
Traduttore: Francesca Flore
Editore: Piemme - Collana Battello a vapore
Pagine: 304
Isbn: 9788856621181
Prezzo: €16,00
Valutazione: 2 e1/2 stelline
Data di pubblicazione: ottobre 2012


La casa prigioniera del tempo
di Sarah Singleton
Recensione:
La casa prigioniera del tempo (titolo originale: Century) è un romanzo appartenente alla collana Battello a vapore della Piemme, ma che probabilmente potrebbe essere inserito anche in una collana per adolescenti. Il suo sapore gotico e l'atmosfera inizialmente inquietante forse non sarebbero immediatamente apprezzati dai più piccini ma verrebbero ben accolti da ragazzi più maturi. L'età consigliata è dai 13 anni in su, età che avrebbe potuto essere sicuramente innalzata se il racconto non avesse preso fin troppo presto una svolta semplicistica e a tratti superficiale. L'impressione generale che si ricava dalla lettura del romanzo della Singleton è innanzitutto positiva: duecento pagine perfette per trascorrere qualche ora totalmente assorbiti dalla storia, presi dal destino di Macy, la protagonista costretta a vivere nel suo castello e a ripetere continuamente la stessa giornata per anni, forse secoli. Quel che potrebbe apparirci come un incubo si presenta come una realtà non percepita: solo quando un elemento estraneo cerca di infiltrarsi e di incrinare una perfezione che altrimenti sarebbe stata eterna, la situazione inizia a precipitare. La ragazzina comincia a indagare, a seguire i fantasmi che vede correre per i corridoi, capisce che qualcosa di terribile è accaduto e che il suo intervento è necessario per porre fine a quell'incubo. L'ambientazione è perfetta, l'atmosfera riesce a instillare nel lettore stati di ansia e  di paura, ma il tutto dura troppo poco e la soluzione arriva in maniera semplice e affrettata. Non avremmo disprezzato qualche centinaio di pagine in più. Nonostante qualche piccola delusione, La casa prigioniera nel tempo si becca una valutazione positiva e il consiglio di lettura a chiunque se lo ritrovi tra le mani.
Titolo: La casa prigioniera del tempo
Titolo originale: Century
Autore: Sarah Singleton
Traduttore: Simona Mambrini
Editore: Piemme - Collana Battello a vapore
Pagine: 224
Isbn: 9788856621136
Prezzo: €10,00
Valutazione: 3 stelline
Data di pubblicazione: settembre 2011

18 commenti:

  1. Anch'io ho un debole per i romanzi per ragazzi, e il primo lo sto leggendo pure io! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Andrea, so del tuo debole e so anche che un giorno promisi di partecipare al tuo progetto wonderland e poi ti ho dato miseramente buca...

      Elimina
    2. Ahah, tranquilla, solo perché sei tu... ti perdono! :)

      Elimina
  2. Il primo lo vorrei leggere anch'io, ma non ho fretta di iniziare una nuova tetralogia.... L'ultimo ce l'ho sul kobo che aspetta ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io avrei voluto iniziare una nuova saga, ma a volte capita! e ultimamente capita spessissimo. Facciamo un appello a tutti gli scrittori del mondo affinché se ne cadano le mani se decidono di iniziare una nuova serie!!! :D

      Elimina
  3. Su Lili e Po per tante cose concordo :) Mi incuriosiscono tanitssimo gli altri due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto la tua stupendevole recensione, Mik *_*

      Elimina
  4. L'ultimo è nella mia lista dei desideri da un po' :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anch'io l'ho tenuto nella lista desideri per un sacco di tempo? Poi l'ho finalmente trovato con uno scambio su anobii, mesi fa, e solo da poco mi son decisa a leggerlo... è così piccolino e scorrevole che si finisce in un paio d'ore

      Elimina
  5. Sono d'accordo anche io, Lili e Po non mi è piaciuto particolarmente.. peccato perché l'idea poteva essere sfruttata bene, e le illustrazioni sono davvero belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Lili e Po si è rivelato una delusione in confronto alle aspettative che avevo. una storia di cui al momento ricordo davvero pochissimo: insomma se non mi è restato quasi nulla, mi sa che potevo anche risparmiarmela!

      Elimina
    2. non sono d'accordo, a me è piaciuto e anche molto.

      Elimina
  6. Molto bella l'idea di Fantasia d'Inchiostro, nonché l'immagine, davvero simpatica :) Ho letto con molto piacere tutte e tre le recensioni e anche se sono più brevi sono piacevolissime. Non ho letto nessuno dei tre romanzi, ma ogni tanto mi piace rituffarmi nelle letture per ragazzi perché il più delle volte contengono una magia unica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Olivia!
      E' sempre bello scovare nuovi romanzi per ragazzi, che on line non hanno mai abbastanza pubblicità e neanche in libreria. Ci passerei delle ore nel settore ragazzi delle librerie, si scovano libri stupendi!

      Elimina
  7. Innanzitutto concordo nel dire che a volte i libri per ragazzi superano di gran lunga quelli per adulti, e portano con sè un'atmosfera di freschezza come poche storie hanno.
    Intanto ho aggiunto in wishlist "La casa prigioniera del tempo", mi hai proprio ispirata! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, verissimo!
      La casa prigioniera del tempo ha anche un titolo e una cover che ispirano e aiutano a fantasticare ;)

      Elimina
  8. per me il viaggio di lili e po è interessante, ma su alcune cose hai ragione anche tu.

    RispondiElimina
  9. Ciao! Mi mancano poche pagine per finire 'La casa prigioniera del tempo'... ho letto la tua recensione su Anobii...
    Fin'ora lo trovo molto carino... spero che il finale non mi deluda!

    RispondiElimina