domenica 4 settembre 2011

Iris Fiori di cenere di Maurizio Temporin


Trama:
Thara, 17 anni, ha una vita apparentemente normale, tranne per il fatto che si addormenta di colpo nelle situazioni più imprevedibili e che si sente in forze solo all'alba e al crepuscolo. Per il resto, le sue giornate di adolescente scorrono regolarmente tra rivalità scolastiche, pochi amici scelti e il difficile rapporto con la madre, senza immaginare quello che si nasconde dietro la scomparsa prematura del padre, che non ha mai conosciuto.
Tutto cambia all'improvviso, per colpa di un profumo, quello degli iris.
Un giorno, cercando di rubarne alcuni dal giardino di una villetta misteriosa, cade in un sonno profondo che la trasporta in un mondo parallelo, un deserto di cenere pieno di edifici, navi e aerei bruciati, in cui vagano creature mostruose e in cui vive, ignaro della sua storia e della sua provenienza, Nate, ragazzo tanto malinconico quanto affascinante. Da quel momento, Thara comincia un viaggio alla scoperta delle proprie origini, tra segreti inconfessabili e terribili verità.

L'autore:
Maurizio Temporin è nato il 1° agosto 1988, sceneggiatore e illustratore, vive tra Novi Ligure e Barcellona. All’età di quindici anni ha scritto un testo (Tutti i colori del Buio), mai pubblicato, notato però da un produttore americano che ne ha acquistato i diritti cinematografici. Il Tango delle Cattedrali è la prima opera pubblicata da un promettente enfant prodige, che riesce a unire una fantasia irrefrenabile a una personalità del tutto fuori dal comune.
Tra il gioco letterario e il puro fantastico, il romanzo rivela un giovanissimo autore che farà molto parlare di sé.
Sito dell'autore: www.mauriziotemporin.com/

Recensione:
Wow!
Sarà che non me l'aspettavo così coinvolgente, sarà che era da mesi (un anno quasi?) che attendevo di avere questo libro tra le mani, sarà che mi ha trascinata in questa storia con una forza travolgente... quando ho chiuso il libro le prime parole che mi sono spuntate in mente, e poi uscite di bocca senza riuscire a fermarle, sono state proprio queste: wow!
Un'espressione matura e intelligente, direte voi, che racchiude le più alte riflessioni su questa storia....
Ok, cercherò di tradurre il mio Wow in un linguaggio più appropriato per una recensione.
Dalla trama si può immaginare di trovarsi di fronte al solito, scontato e prevedibile young adult: una ragazza adolescente che vive la sua normale vita da adolescente con i due amici del cuore, non godendo di troppa popolarità a scuola, e avendo all'attivo solo un genitore (elemento tipico ormai di questo genere di storie), la mamma per la precisione. Thara, è questo il nome della protagonista, ha un solo difetto: soffre di narcolessia e si addormenta nei momenti peggiori e più imbarazzanti. In compenso si ritrova degli occhi viola unici. (sì, vabbé, in compenso si fa per dire...).
A dispetto delle dinamiche tipiche di queste storie, il romanzo si apre con l'appuntamento di Thara con uno dei ragazzi più belli della scuola. Non ci sono i soliti battibecchi-scaramucce amorose che precedono l'appuntamento, non c'è il solito ragazzo bellissimo ma tenebroso che nasconde un segreto. C'è l'incontro tra Thara, una ragazza non troppo popolare come dicevamo prima, e Esteban, uno dei più popolari.
Al momento sbagliato Thara si addormenta...
Accade sempre all'improvviso, e lei non sa come gestire la cosa se non portandosi costantemente dietro una borraccia di caffè.
In uno dei suoi sonni Thara inizierà a vivere in un mondo fatto di cenere, dove incontrerà dei mostri di cenere e un ragazzo umano, Nate, che non ricorda nulla del suo passato e del perché si trovi lì.
La storia inizia proprio qui: Thara scopre che annusando il profumo degli iris (fiori dal colore identico a quello dei suoi occhi) riesce a indurre il sonno che la porterà in quel mondo di cenere, da lei ribattezzato Cinerarium, e scopre che ciò che le accade ha a che fare anche con la scomparsa di suo padre, con gli strani incendi che scoppiano nel paese, con tutto ciò che la mamma le ha sempre taciuto della sua infanzia.
Inizierà a vivere le due vite, quella nel sonno e quella nella veglia, vite che in alcuni momenti si incroceranno.
Ci saranno vari interrogativi a cui rispondere, dubbi su cui riflettere, misteri da svelare. Alcuni non saranno così scontati come potevamo immaginare noi lettori, altri saranno più prevedibili.
Sicuramente Temporin sa come incollare il lettore alle pagine, raccontandoci una storia fantasy, inserendola nel filone ya ma spogliandola di alcuni cliché che ci avevano ormai stancati.
Alcuni personaggi sono ben delineati e interessanti, l'ambientazione tra la vita e la morte, il giorno e la notte, la realtà e il cinerarium è davvero efficace. A tratti spaventa e spiazza il lettore, a tratti lo rassicura.
Temporin non solo scrive: dipinge la realtà che racconta, non ce la fa immaginare ma ce la vedere, toccare. Il cinerarium non è solo un luogo strano e pauroso: ci siamo entrati, abbiamo visto e toccato la cenere, abbiamo rabbirividito in quell'atmosfera. Leggere Iris fiori di cenere diventa un'esperienza sensoriale: è vero, sono solo gli occhi a vedere ciò che è scritto, ma tutti gli altri sensi sono stimolati e coinvolti nella lettura.
E' settembre, e tra poco uscirà il secondo volume. Spero di ritrovare tutto ciò che mi ha tenuta sveglia e ancora di più.
Wow!

Booktrailer: 


Titolo: Iris Fiori di cenere
Autore: Maurizio Temporin
Editore: Giunti
Pagine: 384
Prezzo: €14,90

10 commenti:

  1. invece a me il libro non è piaciuto particolarmente ma prenderò il secondo per vedere come va a finire :D
    Sai se è una trilogia?

    RispondiElimina
  2. Il tuo blog è davvero interessante. Posso però darti un consiglio? per i libri in traduzione, sarebbe buona norma segnalare tra i dati tecnici anche il nome del traduttore. Te lo dico prima di tutto per orgoglio di categoria, visto che ho tradotto uno dei libri da te recensiti, ma anche perché in pochi lo fanno, e sarebbe un gesto molto apprezzato da chi passa. Non volevo sembrare pedante, scusa: ma segnalare i traduttori è ormai un po' come la raccolta differenziata: ci vuole un po' di tempo perché tutti si abituino a farlo, poi diventerà una sanissima abitudine che aggiunge elementi di valutazione per il lettore e riconosce il valore di un lavoratore. Comunque grazie e scusa ancora l'intrusione!
    c.

    RispondiElimina
  3. ...ma sai che la tua è davvero una buona idea? ammetto di non averci mai pensato, anche perché è vero: i traduttori non vengono mai menzionati eppure fanno un lavoracco per far sì che un romanzo venga letto e apprezzato in italia. Cercherò di aggiungere questo dettaglio ;)
    ...avrei gradito che ti firmassi, ma ti perdono!

    RispondiElimina
  4. Ti ho mandato una mail. :)
    c.

    RispondiElimina
  5. io amo iris fiori di cenere!!!!!il 5 ottobre uscirà il seguito iris- i sogni dei morti!!!!!

    RispondiElimina
  6. Sì sì, a giorni cercherò di fare la recensione... il secondo volume è già nelle mie mani ;)

    RispondiElimina
  7. si sa per caso quando uscirà il terzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad ottobre, se non sbaglio il 9, e per l'occasione verranno ripubblicati anche i primi due volumi in una nuova edizione economica. il terzo uscirà pertanto solo in economica. Un peccato per tutti quei lettori che hanno già i primi due nella versione hardcover ma a quanto pare si tratta di una scelta della casa editrice...

      Elimina