martedì 3 luglio 2012

Recensione: La grammatica dell'amore di Rocìo Carmona

La Gramatica del Amor

Trama:
È attraverso la lettura di sette grandi capolavori della letteratura mondiale che la giovane Irene riuscirà a scrivere la propria personalissima grammatica dell’amore. Saranno le parole di Tolstoj, Austen, Marquez e Murakami, fra gli altri, ad accompagnarla in questa esperienza vitale e memorabile.
Irene ha appena conosciuto l’amore ma non è andata come sperava. Dopo il divorzio dei suoi è stata spedita a studiare in Inghilterra, ma invece di rimettersi in sesto, la ragazza ha sofferto la sua prima grande delusione. Quello che dovrebbe essere il sentimento più nobile al mondo, per lei è solo un miraggio, qualcosa di distante e incomprensibile. Ed è grazie al suo professore di inglese che intraprenderà un viaggio fondamentale, percorrendo chilometri e chilometri di parole che ridaranno il giusto peso a ciò che sente, ridisegnando per lei un cammino da vivere con l’intensità di un attimo perfetto e insostituibile. Perché, come le insegna il suo professore, la letteratura è vita e amore. E sarà un vero colpo di fulmine ciò che la trascinerà pagina dopo pagina.

L'autrice:
Rocío Carmona ha una personalità poliedrica e vivacissima. Oltre a essere l’editor di un importante marchio editoriale spagnolo, è la voce di una band indie di Barcellona e si dedica anima e corpo alla scrittura. Con il suo romanzo d’esordio, La grammatica dell’amore, ha conquistato il pubblico e la critica spagnola. Il libro è in traduzione in diversi paesi, e sta diventando un vero e proprio fenomeno europeo.

Recensione:
Avrei voluto essere più giovane e aver avuto allora questo romanzo tra le mani. Avrei voluto sfogliare queste pagine in un'epoca compresa tra i miei 15 e 25 anni per trovare la spalla perfetta su cui piangere, per poi accettarne gli affettuosi e doverosi consigli. Sarebbe stato bello soffrire d'amore con accanto non solo gli amici di sempre, ma anche i libri giusti, quelli che avrebbero potuto spiegarmi, convincermi, confortarmi, sgridarmi, aprirmi gli occhi. Perché se è vero che i libri nella mia vita non sono mai mancati, è anche vero che non sempre sono stati presenti al momento giusto, e non sempre erano quelli che mi servivano in determinate circostanze.
La Grammatica dell'amore si presenta come la tua migliore amica nel momento peggiore della tua vita di un'adolescente: quello in cui tutto sembra andare a rotoli, quando anche l'unico punto fermo che è sempre stato la famiglia viene a mancare. La grammatica dell'amore può diventare una compagna perfetta, accogliente, indispensabile. Mentre noi lettori ci sentiamo confortati da quelle sue pagine, la protagonista si ritrova a vivere parallelamente la nostra stessa esperienza, affrontandola seguendo i passi indicati da questa speciale grammatica.
Quel che si presenta come un romanzo adolescenziale sulle pene d'amore, con protagonista la solita ragazza che arriva in una nuova scuola, in una nuova città e ha bisogno di ambientarsi - quindi con tutte le carte in regola per uno sviluppo prevedibile, noioso, per nulla interessante - si srotola sotto i nostri occhi in maniera del tutto inaspettata: l'inizio sarà sì già stato visto o letto altrove ma lo sviluppo è innovativo e sicuramente piacevole. Per non dire furbamente piacevole, soprattutto per noi lettori che, quando scopriamo che protagonisti di un libro sono i libri stessi, ci emozioniamo e appassioniamo di più. Quando poi quei libri sono tra i nostri titoli preferiti, tra quelli che ci hanno accompagnato in passato, di cui potremmo parlare per ore, allora l'incantesimo è stato gettato e siamo prigionieri della storia.
Irene è una ragazza alle prese con la prima, cocente, delusione d'amore. Come affrontarla?
Con rabbia? Disperazione? Tristezza? Rassegnazione?
Un giovane insegnante si prenderà cura di lei, mostrandole la strada per superare quel dolore: il suo rimedio consisterà nella lettura di sette romanzi. Ognuno di essi aiuterà Irene a capire meglio l'amore in generale e i propri sentimenti in particolare. Un percorso che inizia con un cuore spezzato in uno splendido Murakami di A sud del confine a ovest del sole, passa attraverso l'amore universale raccontato dalla Austen nel suo Orgoglio e pregiudizio, si sofferma sulla necessità di non reprimere i propri sentimenti con Lettera di una sconosciuta di Stefan Zweig, incontra e scopre i due volti dell'amore in Tolstoj, con Anna Karenina e Levin, sfiora I dolori del giovane Werther goethiani, la Jane Eyre brontiana, e infine termina con la risposta a tutte le domande racchiusa ne L'amore ai tempi del colera di Marquez. Una risposta bella, semplice, diretta che lascio a voi il piacere di scoprire.
La storia non si limiterà ovviamente alla semplice lettura e interpretazione dei classici appena elencati: la vita di  Irene acquisterà maggiore sicurezza tra un libro e l'altro, anche se ogni tanto qualche lettura la farà cadere in errore. Durante l'interessante percorso mostratole dall'affascinante professore, di cui probabilmente tutte noi lettrici avremmo tanto voluto essere allieve, Irene comincerà a ricostruire la sua vita, i suoi affetti, a delineare i contorni del suo cuore. Fino a scoprirsi di nuovo innamorata e pronta per ricominciare a vivere l'amore.
Non vi preoccupate: non ho spoilerato. Ho aggiunto qualche dettaglio in più del solito, ma niente che possa rovinarvi il piacere di questa gradevole lettura.
A fine romanzo ci viene voglia di poter sperimentare lo stesso percorso di Irene, per scoprire le risposte che noi avremmo trovato. O forse di costruirci direttamente la nostra personale Grammatica dell'amore, ora che ci è stata mostrata la strada per crearla.
Comincio a pensare alla mia...

i primi 3 capitoli del libro
Image and video hosting by TinyPic


Titolo: La Grammatica dell'Amore
Titolo originale: La Gramatica del Amor
Autore: Rocio Carmona
Traduttore: Rita Feleppa
Editore: Fanucci
Pagine: 304
Isbn: 9788834719480
Prezzo: €14,00
Valutazione: 3,5 stelline
Data di pubblicazione: 24 Maggio 2012

10 commenti:

  1. Ah, ho letto questo libro due anni fa, non appena uscito in Spagna e mi era davvero piaciuto. Anche io avrei voluto averlo tra le mani un po' più "piccola", sicuramente lo avrei apprezzato ancora di più, ma anche come +25 non ho potuto non trovarlo davvero un buon libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che dev'essere poterlo leggere in lingua originale! peccato che non ho mai studiato spagnolo... forse un giorno lo farò!

      Elimina
    2. Eh, sì, non è male, perché - per quanto i traduttori siano bravissimi e facciano sempre un lavoro fantastico - spesso nel passaggio da una lingua all'altra si perde qualcosa! Io so lo spagnolo solo perché ho studiato un anno in Spagna, altrimenti non l'avrei mai imparato! :)
      Comunque il tuo blog mi piace sempre di più!

      Elimina
    3. Grazie, Luci! In realtà non faccio altro che pubblicare recensioni, vorrei avere la testa per aggiungere qualche altra rubrica ma per ora mi limito a queste...
      quanto ai romanzi spagnoli, spero di poter leggere al più presto La mappa del cielo di Felix Palma, il seguito de La mappa del tempo, uscito l'anno scorso, anche se so che non sarà spensierato come questo della Carmona, però sono sicura sia stupendo. Sto rivalutando i romanzi spagnoli :)

      Elimina
    4. Pensa che La mappa del Tempo l'ho in libreria - appunto - dall'anno scorso perché mi è stato regalato, ma non l'ho letto! Allora cercherò di rimediare al più presto!
      Sì,gli spagnoli riservano delle belle sorprese a volte!

      Elimina
    5. Eh La mappa del tempo è un libro infinito! però quando si arriva alla fine ti rende soddisfatta della lettura e confido che anche il secondo sia così...
      fammi sapere se lo leggerai ;)

      Elimina
  2. ma che bello, grazie per la recensione, dev'essere una lettura molto gradevole!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gradevolissima, se lo leggerai poi fammi sapere!

      Elimina
  3. Anche io lo voglio leggere presto, è già nella mia wish list da tempo! :)

    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina,
      ho approfittato del tuo link per farmi un giro nel tuo blog: non lo conoscevo! Complimenti e buone letture!

      Elimina